Subacquea

AREA MARINA PROTETTA CAPO CARBONARA

Il sentiero le gorgonie

Un ambiente magico. Una discesa tra incredibili giochi di luce, praterie di posidonia, coralli e gorgonie.

Il sito si trova presso l’Isola dei Cavoli. E’ caratterizzato da pareti di granito alla cui base si accumulano in grandi blocchi di frana che infine lasciano il posto ad una piana sedimentaria che si estende a circa 40m di profondità.

Lungo le linee di riva è possibile seguire solchi di abrasione e canali profondamente incisi. Appena superata la sommità della parete si incominciano a vedere paleoforme subaeree che sono attualmente sommerse che formano canali, alveoli, tafoni, associate alle pseudo falesie e ai rilievi fungiformi.

I popolamenti immediatamente osservabili sono ancora quelli di alghe fotofile, termofile, calcaree incrostanti e ricci. La fauna associata comprende spugne e briozoi incrostanti, coralli e vermetidi, stelle marine e tra gli elementi più comuni della fauna ittica i tordi, gli sciarrani, i saraghi e le donzelle pavonine.

Ophidiaster Parazoanthus Barracuda Giovane Cernia Gorgonia Mappa Corvine Coralligeno Cavalluccio Marino Hippocampus guttulatus Polpo Callistoctopus Macropus

La parete procede verso il fondo per imponenti gradini, alla base dei quali si trovano accumulati blocchi sub-sferici. Con l’aumentare della profondità compaiono i popolamenti di tipo precoralligeno e, intorno ai 20-25m, iniziamo quindi a trovare l’alga rossa Phillophora nervosa, l’alga verde Codium bursa, e diverse spugne, tra le quali la più comune è l’Axinella verrucosa; si possono osservare cuscini del corallo Cladocora caespitosa e le prime colonie della gorgonia Eunicella singularis.

Con l’uso delle torce si può scrutare la ricca fauna colorata che vive nelle pareti in ombra degli anfratti e cavità: spugne, briozoi, coralli, celenterati e ascidiacei. Alla base della parete rocciosa, a partire da 30m di profondità, sui grandi blocchi sub sferici gli elementi più caratteristici sono le gorgonie Eunicella cavolinii e soprattutto Paramuricea clavata. Sciami di castagnole rosse Anthias anthias, pesci cardinale e corvine costituiscono l’esempio di fauna ittica più tipica di questo habitat.

A circa 40 metri di profondità si raggiunge in maniera brusca la piana sedimentaria, costituita da una sabbia biodetritica ricca di frammenti di conchiglie e di gusci di ricci irregolari. Tra gli elementi figurati più abbondanti si possono citare le “praline” formate dall’alga rossa calcarea Lithothamnium.

VUOI SAPERE QUALE AREA MARINA E' STATA LA PIÙ VOTATA

E HA VINTO 20.000 € E ATTREZZATURE SUBACQUE SEAC SCOPRILO QUI

Fondali magici, coste selvaggie che nascondono spiagge e lagune paradisiache
Due ampie baie nella costa sud-orientale della Sardegna, nel comune di Villasimius
SCOPRI DI PIÙ

Vota

Vota la tua Area Marina Preferita. La più votata si aggiudicherà 20.000 € per la realizzazione di un suo progetto e attrezzature subacqueee SEAC SUB.
Leggi il regolamento

Vota